Lo scioglimento dei ghiacci ha condizionato la circolazione delle correnti nell’oceano Atlantico. Lo dimostra lo studio della composizione chimica dei sedimenti oceanici. Pubblicato sulla rivista Nature Communications, ha permesso di ricostruire come è cambiata la circolazione delle correnti atlantiche al rapido mutare del clima nel passato. Lo studio è firmato da un gruppo della Scuola di Scienze della Terra dell’Università britannica di Bristol, coordinato da Hong Chin Ng.

Per Hong Chin Ng, “da quando la Terra è uscita dall’ultima era glaciale, circa 20.000 anni fa, ha avuto profondi e rapidi cambiamenti del clima, della concentrazione di anidride carbonica e del volume dei ghiacci”, ha spiegato. Per lo studioso, “i cambiamenti della circolazione delle correnti nell’Oceano Atlantico hanno giocato un importante ruolo nel condizionare questi eventi climatici”, ha rilevato.

I ricercatori hanno sottolineato quanto sia stato difficile finora trovare le prove di questo collegamento. In questo studio pensano, però, di aver trovato i primi indizi, rappresentati “dalle analisi degli elementi radioattivi nei sedimenti oceanici”.  Queste analisi potranno aiutare a fare previsioni sull’impatto futuro dei cambiamenti del clima sulla circolazione oceanica e sullo scioglimento dei ghiacci ai poli, tra gli ecosistemi più fragili della Terra. (Ansa)

CONDIVIDI