Roma, 18 ott. (AdnKronos) - Quasi 200mila tonnellate di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche gestiti in dieci anni. E' il bilancio di due lustri di attività del consorzio Ecolight nella raccolta e nello smaltimento dei Raee. "Tra il settembre e il novembre del 2007 fu approvato e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che sanciva il principio 'chi inquina paga' per il mondo dei Raee - ricorda il direttore generale di Ecolight Giancarlo Dezio - Il consorzio, che proprio in quel periodo iniziò l’attività, si fece interprete delle novità normative consorziando sempre più imprese, ad oggi sono oltre 1.700, e coinvolgendole nel processo di raccolta e trattamento dei rifiuti elettronici secondo i principi enunciati dalla norma".

Fonte AdnKronos
CONDIVIDI